Chi siamo Dove siamo Parlane al tuo chirurgo Link Utili    Parliamo di :
Mastoplastica riduttiva (riduzione seno)

Un seno eccessivamente voluminoso e ptosico può essere rimodellato con un intervento di mastoplastica riduttiva, teso ad ottenere un notevole miglioramento della forma e della dimensione delle mammelle tramite l’asportazione di una parte della ghiandola mammaria per ridurne il volume, il riposizionamento dell’areola allo stadio iniziale e l’eliminazione della cute in eccesso per riacquisire una gradevole armonia corporea.

Spesso un seno grosso e cadente crea difficoltà e condizionamenti di vario genere. Molteplici, talora gravi, i problemi funzionali, quali mal di schiena, atteggiamenti posturali viziati, solchi dolorosi sulle spalle dovuti al reggiseno, arrossamenti del solco sottomammario dovuti dal frizionamento della pelle.

Routine preoperatoria: esami del sangue, emocromo con formula e VES, glicemia, azotemia, creatininemia, transaminasi, CPK, PTT, pseudocolinesterasi, elettroforesi proteica, elettroliti, tempo di protrombina. Esame completo delle urine.
ECG + Visita cardiologica. E’ prevista altresì l’eventuale prescrizione di indagini strumentali, quali Ecografia Mammaria e/o Mammografia, a seconda del caso clinico.

Tecnica chirurgica: esistono approcci chirurgici differenti, a seconda del caso obiettivo. Le fasi peculiari dei suddetti iter da seguire prevedono la preparazione del lembo cutaneo portante l’areola, il quale dovrà essere ricondotto nella posizione originaria, la rimozione dell’adipe e del tessuto ghiandolare in eccesso, e ,infine, il modellamento del seno, rifinito da una minuziosa sutura intradermica. L’ esito cicatriziale si presenta a forma di "t" rovesciata, con la branca orizzontale nascosta all' interno del solco sottomammario e la branca verticale, lineare, che congiunge l'areola alla piega mammaria.

Anestesia: anestesia locale assistita, generale e/o epidurale a seconda della discrezione dell’anestesista, del chirurgo e concordemente con la paziente.

Degenza: la dimissione è prevista dopo un giorno di ricovero.

Decorso post-operatorio: è previsto un bendaggio compressivo da tenere per alcuni giorni dopo l’intervento da sostituirsi poi con un reggiseno contenitivo, il quale deve essere opportunamente indossato per tre settimane. Viene prescritta una terapia domiciliare antibiotica ed antiinfiammatoria per os. I punti vengono rimossi dopo 15 gg.

Copyright © 2005 Dr. Renato Gambino - CF GMBRNT59P13G377X - WebProject by WinTrade